Cristina Scabbia The Voice of Italy 2018: capelli e trucco dark della regina dei Lacuna Coil

Bella e dall’anima metal, la regina delle tenebre Cristina Scabbia è la nuova sorprendente giudice di The Voice of Italy 2018. Dopo aver scalato le classifiche americane e inglesi in un mondo metal dominato da soli uomini ed essere la voce della band Lacuna Coil, la bella cantante il 20 marzo ha debuttato su Rai Due come nuova giurata. Al suo fianco ritroviamo J-Ax e le due new entry: Al Bano e Francesco Renga.

 

TVOI-1440x810

Martina Luchena, da Uomini e donne a Beauty Influencer

Ma chi è Cristina Scabbia?

Nata a Milano nel 1972, occhi e capelli corvini, Cristina ha raggiunto il successo soprattutto in America grazie alla sua band di cui lei ne è la voce. Se all’estero il metal viene considerato alla stregua di tutti gli altri generi, in Italia c’è ancora qualche remora. Spesso si commette l’errore di associare i cantanti a dei ribelli che adottano dei comportamenti inaccettabili. Ed è proprio per sfatare questi falsi miti che Cristina, con grande stupore, decide di far parte del talent show più famoso e ambito.

 

19-950x684

 

Ma adesso, noi della redazione, vogliamo parlarvi del look capelli e trucco dark sfoggiato da Cristina Scabbia. L’abbiamo vista seduta sulla poltrona rossa più famosa d’Italia sfoggiare uno stile dark che la rispecchia totalmente. Ricrearlo è molto semplice. Partiamo dai capelli. Cristina ha sempre avuto in trasmissione una chioma molto lunga con una riga centrale e due space buns lungo la parte alta della testa. Per ottenerli bastano davvero dei pochissimi gesti: con una spazzola dividiamo due sezioni laterali dei capelli, spruzziamo una lacca anti crespo e creiamo due sfere su ambi i lati attorcigliando le ciocche su se stesse. Fermiamo il tutto con un elastico o delle pinze per capelli ed il gioco è fatto.

Adesso è la volta del trucco. In pieno stile dark metal il trucco non può che essere uno smokey eyes sui toni scuri del nero che circonda per intero l’occhio anche lungo la parte inferiore. Il segreto per un perfetto smokey è la sfumatura. Bisogna sfumare bene gli ombretti tra loro in modo da creare un risultato omogeneo che metta in risalto lo sguardo ed evitare il temutissimo effetto panda! Si conclude con un bel tocco di mascara che incurva e volumizza le ciglia così da avere un perfetto bad style!

 

slider-cristina-scabbia

 

La base viso deve essere perfetta. Bisogna eliminare ogni tipo di imperfezione e apparire quasi con una pelle di porcellana. Ottimi sono i fondotinta ad alta coprenza con un effetto matte che trattengono il sebo in eccesso.

Infine concludiamo con le labbra. Si può optare per un rossetto molto scuro oppure, all’estremo, mantenerle nude magari alterando il colorito naturale delle labbra con un po di fondotinta.

Con questi piccoli segreti possiamo ricreare facilmente un look dark e di tendenza proprio come Cristina!

 

lacuna-coil-cristina-scabbia-highway-to-hell-the-voice-2018

 

Come copiare il make-up di Cristina Scabbia

Ami anche tu il trucco dark e ti piace dare profondità allo sguardo? In realtà usare l’ombretto nero è più complicato di quello che sembra, ma con i giusti accorgimenti possiamo riuscire a creare uno smokey perfetto, proprio come quello di Cristina.

Il primo step è preparare la base e utilizzare un primer occhi. Poi applicare una base neutra, con un ombretto color carne opaco. Applichiamo la matita morbida e il kajal lungo la palpebra superiore e all’attaccatura della rima inferiore, sfumiano con un pennello piatto da sfumatura, senza portare la matita troppo in alto rispetto alla palpebra, ma rimanendo all’altezza dell’osso dell’incavo dell’occhio. Applichiamo poi l’ombretto nero pressando leggermente e finendo con un ombretto da sfumatura e movimenti circolari lungo l’incavo dell’occhio. Per rendere il trucco meno piatto applicate dei glitter bianchi o argento al centro della palpebra. Per completare, tanto mascara volumizzante e allungante o ciglia finte.

Ecco i prodotti di cui avremo bisogno

Francesca Crisafulli

Francesca Crisafulli

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*